venerdì 27 agosto 2010

lunedì 23 agosto 2010

Nicola e Bart

Il 23 agosto del 1927 calava la notte due brave persone, Nicola e Bartolomeo. Nonostante la barbaria (cos'è la pena capitale?) e l'ingiustizia (nello specifico, erano certamente inocenti) della loro esecuzione, la loro morte non li fece uscre dalla storia, ma fece invece entrare i loro volti e le loro idee in quel sentire che alcuni di noi sentono proprio. Avremmo tante cose da dire, ma lasciamo spazio alle canzoni, al ricordo in ascolto. Che regali un po' di dolcezza ad una storia triste.

Un classico Baez-Morricone...


... una delle più celebri ballate popolari per Nicola e Bart...


Da ballads of Sacco e Vanzetti, splendido concept-albun ante litteram di Woody Guthrie...


... e l'indimenticabile Gian Maria Volontè:

lunedì 2 agosto 2010

2 lugio 1980

Segnalatoci da un amico, Antonio, questo ricordo di Stefano Benni:

Trent'anni fa una bomba alla stazione di Bologna uccise 85 persone. Il ricordo dello scrittore
2 agosto 1980: "Io non dimentico"
di STEFANO BENNI

Mi sembra di avere scritto su questo ricordo, ma non so quando. Dieci, venti anni fa. Ma quando ricordo è adesso. Sento la notizia da Brunella, che compra il giornale la mattina presto a Santa Maria di Leuca. Non occorre parlare o mettersi d'accordo. Partiamo, con una vecchia Citroen, e guidiamo alternandoci per ore e ore. Quando arriviamo, siamo ancora nel pieno dei soccorsi, ancora scavano.

Trent'anni fa Bologna era diversa. Era stata colpita perché era diversa, perché era una speranza. Ora è una città come tante del Nord Italia, né brutta né bella. Ma tante persone ricordano quella data. E non certo per nostalgia del dolore. Per la speranza che combatté quel dolore. Perché qualcosa di quella speranza è rimasta. Ci sono state altre stragi, altro sangue, altro dolore inutile. L'ultima strage, quella della legalità, si consuma non con la violenza delle bombe, ma non l'astuzia della propaganda e della potenza economica. Possiamo disquisire se le persone sono le stesse, o altre, o nuove, o migliori o peggiori. Quello che è successo a Duisburg in nome del cosiddetto show, è una strage. Possiamo distinguere dicendo che non è stata pianificata, che tutti sono pentiti. Ma per chi ha perso delle persone care, è difficile distinguere, fare una scala del dolore, trovare qualche consolazione.

Quello che mi è facile invece, è ricordare chi ha ancora speranza. Pensare a quelli che scavavano, a quelli che scavano ancora. Quelli che sperano non ci sia il nome di una persona cara di un elenco di vittime. Quelli che si sentono responsabili, e cercano di evitare stragi future. Quelli che vogliono la verità. So che sono ancora tanti, anche a Bologna. Forse non sono più rappresentati, forse la loro speranza è stata ferita e irrisa, forse qualche volta pensano: perché scavare quando tutto crolla?

Ma io so che queste persone ci saranno sempre, e mi conforta. Ogni volta che torno a Bologna, vedo i nomi sulla lapide della stazione. Qualcuno si ferma e si interroga, qualcuno nemmeno sa cosa significano quei nomi. Qualcuno neanche li guarda. Ma qualche anno fa, vidi una donna straniera entrare, e mettere dei fiori sotto la lapide. Le parlai: non era una parente, era una donna che faceva solo un gesto di ricordo, di rispetto, non davanti alle autorità, ma davanti ai suoi sentimenti. Al di là di ogni retorica e cerimonia, c'è sempre la forza di queste persone che sperano. E io spero che Bologna le ascolti molto di più, che sappia ritrovare il rapporto con la sua energia passata, che non ne faccia una statua in un museo.
Anche io, nel mio piccolo sforzo, scavo ancora, anche se dovrei e vorrei farlo di più. E scavando ho ritrovato il ricordo di quegli anni e posso dirlo forte: non dimentico e non voglio dirlo solo il due agosto.
(Repubblica, 01 agosto 2010)




E, al solito, una canzone: